Caro viaggiatore,

siamo qui per svelarti un segreto: l’Italia non è solo bella.

L’Italia è sì il paese della bellezza, dell’arte ma nasconde anche racconti e leggende sorprendenti.  Ad ogni angolo qualche meraviglia ci lascia a bocca aperta e succede talmente spesso che dimentichiamo di chiedere la susa storia. Eppure, sono sicuro, ci lascerebbe a bocca aperta anche più della bellezza. E resterebbe nella mente e nel cuore, ci tornerebbe alla memoria ogni volta che passiamo di lì.

E così il patrimonio riprende vita e comincia a parlare.

Voci da ogni direzione, da ogni paese, voci antiche e moderne. Iniziano a parlare i dipinti e le scuture, i reperti nei musei e l’architettura, le vecchie fabbriche abbandonate coi fantasmi del passato. Parlano i piatti della tradizione e raccontano di quando, quella volta, a causa della carestia, gli hanno persino dovuto cambiare un ingrediente. Parlano i balli e le tradizioni popolari. Iniziano a parlare i monti e gli animali che li abitano, le rocce che stanno sotto ai nostri piedi.

Parla il mare con i suoi marinai, parlano le grotte, parlano i boschi. E anche le persone ritrovano la voglia di raccontarsi, parlando di epoche passate e ricordi di quand’erano bambini.

Così di raccontare non smetteremo più, perchè ciò che rende il patrimonio italiano tanto meraviglioso, dopotutto, sono le storie che ha vissuto.

Noi, abbiamo iniziato a raccontare da quando ci siamo incontrati e non smetteremo finchè non avremo finito. Mai, penso. Vieni con noi in un viaggio tra i colori e le magie di un paese che di sicuro, ha ancora voglia di sorprendere.

Con affetto, i narratori.

GLI ULTIMI RACCONTI

  • Foto - Domenico Barbati

Domenico Barbati – Lo splendore dell’umiltà

Domenico Barbati è un artista settantottenne di Casaletto Vaprio, che ha messo in pittura angoli del mondo, ma che è rimasto con l’inesorabile etichetta di espressione del territorio. Anche se amatori del sud prendono i suoi quadri per abbellire le camere di case che si affacciano sul mare.

Angiola Scibona, il talento interiore dell’arte​

Mi sono casualmente imbattuto su Angiola Scibona, milanese di impronta sicula, e poi lodigiana per fatalità. Avevo avuto modo di ammirare una sua opera. E mi era piaciuta così tanto, da volerne cercare altre.

SCOPRI LE SEZIONI